Clicca qui per tornare alla pagina principale...
notizie recenti
No al raddoppio del Gottardo
Greenpeace Ticino cerca nuovi volontari
Anche dal Ticino sostegno alla Dichiarazione sul futuro dell’Artico
125'573 NO contro il raddooppio
Offensiva solare: consegnata al sindaco Borradori la cartina dei tetti non sfruttati
40 anni bastano: firma la petizione
Depositata l’iniziativa per l’efficienza elettrica
Archivio notizie
Facebook stream
 
Salviamo le api
 
Diritto senza frontiere!

Successo della raccolta firme per il referendum anti raddoppio
125'573 NO contro il raddooppio

13.01.2015, Berna - Nello spazio di tre mesi, 125'573 persone hanno firmato il referendum contro la seconda galleria autostradale al Gottardo. Le circa 50 organizzazioni che si sono riunite nell’associazione «No al raddoppio del Gottardo» hanno potuto convalidare oltre 75'731 firme.

Oggi, l’associazione le ha consegnate alla Cancelleria federale, a Berna. La musica d’accompagnamento è stata procurata da «marmotte», «stambecchi» e «camosci» e dalle persone direttamente interessate, abitanti i cantoni del Ticino e di Uri. Ciascuno desidera difendere il proprio habitat dall’invasione degli autocarri.

Più di 10 per cento delle firme convalidate provengono dal Ticino. Si tratta di un segnale forte: il Ticino non vuole un secondo tubo! «Il governo ticinese e i rappresentanti ticinesi dei partiti borghesi a Palazzo federale non riflettono assolutamente lo spirito che regna fra la popolazione», afferma Jon Pult, copresidente dell’associazione «No al raddoppio del Gottardo» e presidente dell’Iniziativa delle Alpi. Il Ticino meridionale è particolarmente colpito e da anni la gente soffre a causa della scadente qualità dell’aria e del caos nelle strade. Secondo Jon Pult, questo eccellente risultato nella raccolta delle firme indica inoltre che l’idea della tutela delle Alpi è ottimamente radicata in Svizzera.

«Presto o tardi, il raddoppio del Gottardo sarà seguito dal raddoppio delle corsie e del numero di autocarri». Caroline Beglinger, copresidente dell’associazione «No al raddoppio del Gottardo» e codirettrice dell’ATA, Associazione traffico e ambiente Svizzera, ne è convinta. Il raddoppio causerà anche più rumore, gas di scarico, colonne e incidenti sull’insieme dell’asse nord-sud. «La promessa politica di fissare le capacità in un testo legale è simpatica, ma non dà nessuna garanzia contro l’ondata di autocarri», precisa Caroline Beglinger.

Considerando che la galleria ferroviaria di base al Gottardo sarà aperta il prossimo anno, l’idea di raddoppiare la galleria autostradale appare semplicemente assurda. Grazie alla galleria ferroviaria più lunga del mondo, le capacità per trasferire il traffico merci dalla strada alla rotaia saranno più che sufficienti. Quindi, il risanamento della galleria autostradale esistente può essere efficacemente e vantaggiosamente superato senza un secondo tubo.

La campagna aria e traffico
Offensiva solare
 
Solar generation


 
SI al collegamento nord sud, NO al raddoppio



 
Facebook & twitter
Facebook stream